Instagram analytics


Che Facebook sia proprietario di Instagram è cosa nota fin dal 2012, quando è stato staccato l’assegno da 1 miliardo di dollari per il social di fotografia. Che su Instagram sia arrivata la pubblicità, è anche questa cosa nota ai più. Che la pubblicità su Instagram sia gestita dall’account Facebook dell’inserzionista è noto agli addetti ai lavori e a chi si diverte a studiare tutte le funzioni presenti. Allo stesso modo è noto che Facebook è il social dotato del miglior reparto di analytics legati ai post e alle interazioni degli utenti, mentre Instagram ne è del tutto sprovvisto.

Adesso invece questo non è più vero    

Con la nascita degli account business per Instagram, è stato sviluppato il reparto analytics, con grande gioia di tutti quelli che usano questo social in modo professionale. Vista l’esperienza di Facebook sul tema, i nuovi analytics sono ispirati a quelli del social blu, e prendono in considerazione il genere degli utenti, la località dichiarata nei profili, la fascia d’età, quando i follower sono attivi e i top post. Le immagini seguenti sono tratte dal blog di Latergramme.

Località dei followers

 

Genere e fascia d’età dei followers

 

Followers activity

 

top post

 

Per chi gestisce account a livello professionale si tratta di una vera e propria manna dal cielo, che consentirà di targettizzare meglio i propri scatti, imparando a conoscere maggiormente  il pubblico che ci segue e quali sono i post che preferisce, consentendo quindi di migliorare i contenuti che pubblichiamo su Instagram.

Ora dobbiamo solo aspettare che queste novità vengano implementate per tutti gli account business per poter approfittare di questi dati.

About Alberto Treleani

Laureato in Storia Medievale, ho frequentato un master in Economia, Management, Valorizzazione e Promozione del Turismo. Seguo con interesse il mondo dei social network. Amo molto la fotografia e il buon cibo, ma non amo fare foto al cibo.
Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo.... Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Rispondi